bioplastica biodegradabile

Bioplastica

Che cosa è? Quali sono i suoi vantaggi?

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il grave inquinamento causato dalla plastica ha indotto a identificare strategie alternative per arginarne uso e produzione. Non ultima la Plastic Tax prevista dal Disegno di Legge del Bilancio 2020-2022, che introdurrà una tassazione su diversi articoli a partire da luglio 2020.
In vista dell’entrata in vigore della legge, che ipotizza una tassa di 0,50 € per ogni chilogrammo di plastica, è bene incamminarsi verso stili di vita più sostenibili, a cominciare dai consumi.

Fra le alternative possibili vi è appunto la bioplastica, un materiale ecocompatibile realizzato con materie prime rinnovabili come alghe, canna da zucchero, grano, amido di mais, oli vegetali, patate, tapioca, oppure non rinnovabili. Anche in tal caso, permette comunque di rinunciare al petrolio, base essenziale delle tanto familiari e apparentemente innocue bottigliette d’acqua monouso. I risvolti ambientali sono quindi incoraggianti:

  • riduzione dello spreco di acqua e petrolio usati per produrre le bottiglie
  • abbattimento delle emissioni di CO2 causate da produzione e trasporto
  • calo dei rifiuti plastici e dell’inquinamento causato da microplastiche

Il vantaggio è che la bioplastica, a differenza della plastica, può essere anche completamente biodegradabile o comunque almeno compostabile. Tuttavia al contrario della comune plastica – che impiega oltre 500 anni per degradarsi completamente – la bioplastica si dissolve nell’ambiente in 4 o 5 anni, senza rilasciare sostanze inquinanti.

Esistono diversi tipi di bioplastica derivate da biomassa, fra cui: BioPET, BioPE, BioPA da canna da zucchero, melassa e oli vegetali; PLA da amido di mais, barbabietola, tapioca, e PHA, sempre derivati da biomassa (amido di mais, canna da zucchero e barbabietola).

Fra le alternative alla plastica, perfettamente biodegradabili e compostabili, inoltre: oggetti in fibra di bambù, canapa, lino, noce di cocco e persino ananas. Ma il primo oggetto di cui dotarsi, utile, trendy e duraturo, è sicuramente la borraccia!

Qualunque sia la tua preferenza, puoi iniziare combattere l’inquinamento da plastica in qualsiasi momento, in casa e dovunque tu sia. 

Vuoi sapere come?

Potrebbe interessarti anche…

L-atleta-vincente

L’atleta vincente?

Beve tanto e ha un cuore “green”
Non c’è performance vincente senza corretta idratazione, il vero carburante del corpo umano.

indiana water battle

Quanto sei Water Warrior?

Sei consapevole della tua impronta ambientale? L’inquinamento plastico è un’emergenza a livello planetario che in Italia non è ancora abbastanza sentita.